Newsletter n° 11 - Luglio 2017

La necessità di innovarsi: uno sguardo rivolto alla nuova generazione cooperativa.

Sono circa 50 (di cui ben 13 sociali) le nuove cooperative associate a Legacoop Veneto dal 2015 ad oggi: significa 3.575 nuovi soci, in gran parte soci lavoratori, e oltre 3.400 addetti complessivi, per un valore di produzione totale di circa 168 milioni di euro.

Parto da questi numeri, che sono stati sullo sfondo anche durante la riflessione della nostra direzione allargata dello scorso maggio, perché bene raccontano una importante realtà di cui essere necessariamente consapevoli: stiamo cambiando pelle, come sistema di imprese e come organizzazione. E sotto la pelle è cambiata - e sta cambiando - anche la sostanza, perché il mondo della cooperazione è evoluto, la nostra base sociale è mutata, noi come organizzazione siamo cambiati.

Siamo oggi chiamati a confrontarci da un lato con l’evoluzione del mercato e delle richieste della società e delle comunità di riferimento, dall’altro coi bisogni nuovi di cui sono portatrici le coop stesse, poste di fronte a nuove sfide e quindi bisognose di competenze aggiornate e avanzate. In particolare la nuova generazione cooperativa, che ci porta un patrimonio di nuove esperienze e spesso opera in ambiti di intervento per noi inusuali o poco praticati, ci sollecita a non ragionare più per singoli settori ma per macro aree o per “filiere” di attività.

Occorre promuovere e sostenere nuova cooperazione, coinvolgere le imprese e lasciarsi da esse sollecitare al cambiamento, dove necessario. Anche la nostra organizzazione ha grande bisogno di nuova energia, che può venire forse più “naturalmente” dalle cooperative più giovani e con esperienze diverse da quelle tradizionali; è per noi indispensabile, per potersi sempre migliorare ed essere all’altezza nel rispondere adeguatamente ai continui mutamenti, sociali e di mercato.

Per rispondere a questo contesto di ampia, e spesso complessa, evoluzione e per accompagnare i percorsi non sempre agevoli delle imprese, stiamo lavorando con particolare attenzione su due fronti: la modifica delle modalità di rappresentanza e il potenziamento e la diversificazione dell’offerta di servizi per le cooperative. L’obiettivo è da un lato far crescere le imprese, dall’altro sviluppare le competenze manageriali dei cooperatori.

Tra i nostri più recenti servizi “Lo sportello nuova impresa”, nato per supportare la costituzione di una cooperativa (dall’idea imprenditoriale alla fase di start-up), aiutandola anche nell’individuazione degli strumenti finanziari messi a disposizione del sistema cooperativo. Accanto a questo, continuiamo ad accompagnare con percorsi mirati di consulenza i lavoratori che vogliono dar vita a nuove cooperative attraverso operazioni di workers buyout.

Ispirato alla medesima attenzione verso le future generazioni di cooperative e di cooperatori, è attivo in Veneto anche il coordinamento territoriale di “Generazioni”, formato da cooperatori under 40, che vuole essere per loro luogo di incontro, di stimolo e di confronto, ma anche mira a far conoscere la cooperazione e a diffonderne la cultura, in particolare presso i giovani.

In questa direzione si iscrivono alcune nostre iniziative recenti e prossime come il progetto “La scuola, i giovani e la cooperazione: l’impresa cooperativa in sinergia con l’istruzione superiore” che ha visto il coinvolgimento di numerosi giovani studenti degli ultimi anni delle superiori; la collaborazione con l’Università di Padova, iniziativa che ci ha visti intervenire in alcune lezioni rivolte agli studenti di Economia per parlare di impresa cooperativa. Infine, la nostra rinnovata partecipazione a JOB&Orienta;2017, il salone nazionale dedicato all’orientamento, la formazione e il lavoro, che si terrà a fine novembre a Verona.

Insomma, “innovare” sarà inevitabilmente la parola d’ordine, per noi come organizzazione, per voi come cooperative: nei nostri servizi, nella nostra struttura interna, nel nostro stare sul mercato o cercare in esso nuovi spazi, ma anche nella visione e nell’approccio, nella ricerca di una maggiore efficacia imprenditoriale. E per il nostro mondo innovare deve anche essere pensare, immaginare il nuovo e osare sperimentarlo: disegnando nuovi modelli, tessendo nuove relazioni, immaginando nuove vie.
Siamo convinti che il confronto alto e proficuo animatosi intorno a questi temi in occasione dell’ultima direzione possa essere una tappa di buon auspicio per il percorso da intraprendere insieme.
Per non essere solo una somma, e fare la differenza.


Adriano Rizzi, presidente di Legacoop Veneto

Verso il Congresso 2018: il momento di confronto della scorsa direzione come primo tassello del percorso

Un’occasione preziosa per confrontarci sulle sfide poste dai cambiamenti del contesto e dalla crisi economico-finanziaria, e quindi dalla nascita di nuovi bisogni, raccontando le strade intraprese per affrontarle e offrire risposte e servizi adeguati. Allo stesso tempo, anche uno spazio di dialogo per dirci quanto l’organizzazione... leggi tutto

Avviato in Veneto il percorso per la costituzione di Culturmedia

Legacoop Veneto e WeEurope: hanno preso il via i nuovi servizi, per associate e non, su Europrogettazione e Supporto allo sviluppo locale partecipativo

Legacoop Veneto attiva rete di sportelli per aiutare le associate a entrare nel Mepa

Legacoop Veneto scelta da Unioncamere come partner di un percorso formativo sulla cooperazione

Bando per contributi finalizzati all’efficientamento energetico delle piccole e medie imprese

Giovani e cooperazione: 38 le classi e circa 750 i ragazzi incontrati nelle scuole superiori di Venezia e Rovigo

Cinque i veneti diplomati al Muec - Master universitario in Economia della Cooperazione

Pesca/Gac Veneziano e Chioggia Delta del Po: siglate le convenzioni per accedere alle risorse del Feamp

Pesca/fondi Feamp: la Regione annuncia secondo bando da 1,5 milioni per attività ittiche e acquacoltura

Cooperative energetiche Energia Verde WeForGreen e WeForGreen Sharing: risultati incoraggianti per la crescita del modello in Italia

Assemblea soci Clm: 40 anni di storia, ottimi risultati di bilancio, innovazione e ricambio generazionale tra gli obiettivi

Presentato ai soci il nuovo piano industriale di Kostruttiva. Deliberato un aumento del capitale sociale

Clea: bilancio 2016 positivo nonostante la crisi del settore. «Ora serve potenziare i clienti privati».

Wbo: la storia della cooperativa Zanardi raccontata in uno spettacolo teatrale e in un libro

CoopCulture: approvato il bilancio 2016 e presentato il rapporto di sostenibilità

Socioculturale ha aperto a Mira una nuova residenza per anziani

Coop sociale Quid vince il premio Angelo Ferro

Legalità e lotta alle mafie: Giovanni Impastato intervenuto a Forte Marghera invitato dalla coop Controvento

La Cadore scs gestirà la casa cantoniera di Fiames a Cortina d’Ampezzo

Winservice ha festeggiato l’importante traguardo dei suoi primi 20 anni