11/12/2013

Sgravi contributivi per Venezia e Chioggia: il punto col Ministro Zanonato e con il Sottosegretario Baretta

Una situazione drammatica quella che 162 imprese di Venezia e Chioggia hanno di fronte, a seguito del ricevimento degli avvisi di pagamento da parte dell’Inps per l’annosa questione degli sgravi contributivi.

Sono oltre 88,6 i milioni di euro richiesti alle aziende, dei quali 29 milioni di contributi concessi ed il resto di interessi e di aggio.

Si tratta di aziende operanti in tutti i settori: alberghiero, artigianato, industria, pesca e servizi.

Al momento le cooperative aderenti a Legacoop Veneto hanno ricevuto cartelle per 8,6 milioni di euro: particolarmente colpite risultano quelle operanti nella pesca e nei servizi.

 

Questa la situazione presentata al ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato a latere del convegno di sabato 30 novembre su crisi e sviluppo a Nordest (organizzato da Legacoop Veneto e Friuli Venezia Giulia, e tenutosi al Move Hotel di Mogliano Veneto-Treviso), e successivamente al sottosegretario all’Economia e Finanze Pier Paolo Baretta in una riunione svoltasi lunedì 9 dicembre da una delegazione composta da Legacoop Veneto, Confindustria Venezia ed il Comitato Venezia Vuole Vivere.

 

Era il lontano 1999 quando la Commissione Europea dichiarò l’incompatibilità con il mercato comune dei suddetti aiuti. A questa decisione sono seguiti numerosi ricorsi (nazionali ed europei) da parte delle imprese fino a che, nel 2012, la Corte di Giustizia Europea ha ritenuto che la procedura svolta dall’Inps andava annullata, in quanto non era stata compiuta un’istruttoria caso per caso: conseguentemente, il Tribunale del Lavoro di Venezia ha cominciato ad annullare le cartelle esattoriali pendenti. Nel dicembre 2012 è intervenuta poi la Legge di Stabilità 2013 (Legge n.228/2012), che con un vero e proprio blitz ha decretato da una parte l’inefficacia di tutte le sentenze nel frattempo emesse a favore delle imprese; dall’altra ha previsto una nuova e specifica attività istruttoria da svolgersi a cura dell’Inps.

L’istruttoria si è attivata subito: alle imprese è stato chiesto di rispondere ad un questionario, con l’intento di determinare se fosse o meno stata lesa la concorrenza. Si è verificata in questo modo un’evidente inversione dell’onere della prova, nella misura in cui esso spettava ora alle imprese stesse.

Dopo una serie di stralci sono rimaste 162 le imprese ad oggi coinvolte e, paradossalmente, ha sottolineato il Presidente di Legacoop Veneto Adriano Rizzi, «Sono state escluse dalla restituzione degli sgravi le aziende che agiscono in regime di monopolio: in particolare, tra le numerose posizioni stralciate nel corso degli anni, tutte quelle delle aziende pubbliche poiché, operando per l’appunto in regime di monopolio (questa la motivazione addotta), non avrebbero potuto ledere la concorrenza!».

L’ammontare delle somme richieste costituisce un vero e proprio colpo mortale che non mette a rischio solo la loro sopravvivenza, ma minaccia anche tutto l’indotto, con effetti facilmente immaginabili in termini di occupazione oltre che di continuità aziendale.

 

Nel corso dell’incontro con il ministro Zanonato, il presidente di Legacoop Veneto Adriano Rizzi ha sottolineato la gravità della situazione e la necessità che Governo e Parlamento pongano in essere tutte le azioni possibili per evitare che le imprese siano chiamate a rispondere di comportamenti che risalgono a quasi vent’anni fa, e che per di più sono stati assunti sulla base di normative dello Stato. A fronte dei drammatici effetti che si paventano per l’economia del territorio, è stata quindi ribadita la necessità di aprire un tavolo con l’UE che preveda di rivedere i tempi di pagamento, gli importi degli interessi e le modalità di calcolo degli stessi, nonché l’inizio del loro conteggio.

All’Onorevole Baretta è stato evidenziato che proprio la scorsa settimana il TAR Veneto ha concesso la sospensiva al pagamento su ricorso delle imprese, a dimostrazione che nel merito viene riconosciuta la validità delle argomentazioni presentate dai ricorrenti che contestano la costituzionalità della legge 228 del 2012. «È necessario intervenire anche in via parlamentare fin dalla discussione sulla Legge di stabilità attualmente in corso alla Camera» hanno sottolineato i rappresentanti delle associazioni di categoria promotrici dell’incontro.

 

Cerca nel sito

Agenda

Settembre

LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

Ottobre

LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Novembre

LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Dicembre

LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Gennaio

LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Febbraio

LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829 

Marzo

LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Aprile

LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Maggio

LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
       

Giugno

LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930     

Luglio

LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Agosto

LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Settembre

LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930    

Ottobre

LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Iscriviti alla Newsletter

Multimedia

#lacooperazionenonsiferma | Legacoop Veneto: Nicola Dotto, cooperativa sociale Stefani Sport

Archivio multimedia











1 2 3 4