25/10/2013

Legacoopsociali e Regione: un patto di responsabilità per il new welfare Veneto. Comunità e territori al centro

Credits: Luca Lago

posta@lucalago.com

Cooperative sociali che portano avanti con successo percorsi di cambiamento nell’erogazione di prestazione di welfare e servizi, che sono incentrati sul protagonismo sociale e mettono al centro la responsabilità dei lavoratori e di tutti i cittadini.

Realtà che sperimentano altri modelli di welfare, si riconoscono in una concezione di economia capace di generare integrazione per ognuno, e lavorano in sinergia con tutti gli attori del territorio per generare crescita, lavoro e occupazione. È questo il Veneto della cooperazione sociale andato in scena giovedì 24 ottobre all’Hotel Filanda di Cittadella (Padova), dove si è svolto il convegno regionale organizzato da Legacoop Veneto Innovazione Sociale e Territorio – Le nuove sfide della cooperazione sociale”, nel corso del quale è stato presentato il progetto padovano di inclusione sociale “xbene – Moltiplicatori di benessere”, premiato dalla Regione come miglior progetto veneto di innovazione sociale. Promosso dalle cooperative Te.so.ri e Stile, in partnership con le associazioni Son.i.ka e Dinamika, il progetto si realizzerà a Villa del Conte (Padova), e dalle “ceneri” di un classico capannone industriale farà nascere un centro multifunzionale dedicato alla comunità dell’Alta Padovana e al suo benessere, inteso come mix imprescindibile di relazioni fra tutte le persone (inclusi i soggetti con disabilità e svantaggio), cura del corpo e promozione della creatività, rispetto dei criteri di sostenibilità ambientale oltre che economica.

La progettazione del centro è stata affidata allo studio Carlana Mezzalira Pentimalli: tre giovani architetti veneti laureati allo Iuav di Venezia, che in pochi anni si sono fatti conoscere in Italia e all’estero.

 

Se è innegabile - è stato ricordato stamattina - che il calo delle risorse e i tagli abbiano ridotto in questi anni i margini gestionali delle cooperative e messo a rischio tante realtà specie di piccole dimensioni, «le eccellenze presenti oggi raccontano come una parte importante della cooperazione sociale veneta sia strutturata e abbia non solo tenuto alla crisi, ma anche reagito ad essa in maniera proattiva con processi di riorganizzazione e innovazione, continuando a garantire i livelli essenziali di assistenza» dichiara il presidente di Legacoop Veneto Adriano Rizzi. «Nessuno oggi può permettersi di non cambiare, e dobbiamo migliorare anche noi. Vogliamo rafforzare la nostra capacità di crescita e continuare, nel contempo, a promuovere la dignità della persona e delle relazioni umane, la centralità dei territori. Siamo chiamati ad affrontare la sfida di un processo di riforma del welfare che lo faccia riconoscere come bene comune, lontano e liberato da logiche assistenzialistiche. E per implementarlo dobbiamo inventarci nuove prassi e nuove modalità di relazione, anche con le istituzioni, la politica e gli enti locali. Abbiamo bisogno di poter contare anche su nuovi strumenti, inclusi quelli legislativi».

 

Un nuovo welfare veneto, dunque: da sistema di distribuzione di servizi e prestazioni a sistema generativo in grado di essere anche motore di ricerca, investimento e sviluppo. Piena la condivisione da parte della Regione: «Ormai da anni siamo promotori di un cambiamento culturale che mette al centro le progettualità innovative. Per questo abbiamo premiato il progetto “xbene – Moltiplicatori di benessere”. Occorre passare dal welfare state al welfare community, un sistema con al centro la comunità: solo con la piena integrazione nella comunità, infatti, si può realizzare autentica inclusione dei soggetti più deboli» afferma Remo Sernagiotto, assessore ai Servizi sociali della Regione Veneto intervenuto al convegno. Solo questo cambio di marcia permetterà di rispondere ai mutati bisogni di cura, assistenza e qualità di vita in Veneto».

 

Presenti all’appuntamento, moderato da Loris Cervato, responsabile Settore sociale di Legacoop Veneto, anche Paola Menetti, presidente nazionale di Legacoopsociali, Francesco Benazzi, direttore generale dell'Ulss 15, e Marco Ferrero, presidente delle Acli di Padova.

Cerca nel sito

Agenda

Settembre

LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

Ottobre

LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Novembre

LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Dicembre

LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Gennaio

LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Febbraio

LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829 

Marzo

LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

Aprile

LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Maggio

LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
       

Giugno

LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930     

Luglio

LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Agosto

LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Settembre

LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930    

Ottobre

LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Iscriviti alla Newsletter

Multimedia

#lacooperazionenonsiferma | Legacoop Veneto: Nicola Dotto, cooperativa sociale Stefani Sport

Archivio multimedia











1 2 3 4