12/4/2013

Se chiudono le imprese, perdita incalcolabile per il Paese

“La situazione economica è grave, e non si riesce a cogliere un punto: se chiudono le imprese non perdiamo solo posti di lavoro, ma anche una cultura, una storia, delle competenze, delle relazioni con il mercato, con il credito”.
Lo ha detto Giuliano Poletti rispondendo ad una domanda che Myrta Merlino gli ha rivolto durante il programma di LA 7 “L’aria che tira”, dove il Presidente di Legacoop è stato ospite questa mattina.
“La spesa pubblica del nostro paese vale oggi il 50% del PIL” -ha aggiunto Poletti- “e non c’è paese al mondo dove la presenza pubblica in economia sia così ampia, senza contare che spesso viene usata per conquistare il consenso”. “La storia e le ideologie” -ha sottolineato il Presidente di Legacoop- “hanno sedimentato la cultura che lo Stato possa risolvere tutti i problemi; è invece necessario ridiscutere il paradigma che vede in campo solo lo stato ed il mercato e prendere atto che i cittadini si possono auto-organizzare ed autogestire almeno una parte dei servizi finora affidati al pubblico”. “Dobbiamo insomma” -ha precisato- “discutere di quale futuro vogliamo per il paese; non si può morire parlando solo di imu e di irap”.
Riferendosi alla notizia che il Parlamento è stato convocato per giovedì 18 aprile per l’elezione del Presidente della Repubblica, Poletti ha ribadito la necessità che venga subito approvato il decreto legge sui pagamenti dei debiti delle pubbliche amministrazioni verso le imprese. “Non vorrei” -ha detto- “che, a furia di volerlo migliorare, ci si dimenticasse di provvedere alla sua conversione in legge”.
Infine, rispondendo ad una domanda della conduttrice sul crescente distacco tra i cittadini e la politica, Poletti ha affermato che “purtroppo, in questo paese la politica è diventata un mestiere” e che “occorre riportare al centro dell’attenzione il tema della relazione con i cittadini, rinnovando gli strumenti consolidati di intermediazione tra politica e corpi sociali e sfruttando le possibilità offerte dalle nuove tecnologie per ascoltare ed interpretare i bisogni e le aspettative della società”.

 

Fonte: Ufficio Stampa Legacoop

 

Cerca nel sito

Agenda

Novembre

LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Dicembre

LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Gennaio

LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Febbraio

LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728   

Marzo

LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
       

Aprile

LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930     

Maggio

LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Giugno

LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
       

Luglio

LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

Agosto

LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

Settembre

LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

Ottobre

LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Novembre

LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Dicembre

LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Iscriviti alla Newsletter

Multimedia

Legacoop Veneto: La cooperazione sociale e l'accoglienza dei migranti

Archivio multimedia











1 2 3 4